Problemi con la MAIL durante l'iscrizione ?
Se durante l'iscrizione non ricevi la mail di conferma CONTROLLA NELLO SPAM ( la mail potrebbe arrivare dopo qualche minuto )

scanner Tramex per guaina catramata impermeabilizzante

Area dedicata alla scelta, all'uso, alle caratteristiche tecniche, alle possibili applicazioni delle Attrezzature usate
Rispondi
Avatar utente
dano63
Messaggi: 6
Iscritto il: 17/01/2016, 19:02
Contatta:
Stato: Non connesso

scanner Tramex per guaina catramata impermeabilizzante

Messaggio da dano63 » 12/04/2016, 21:51

da:
http://www.infrarosso.info/forum-della- ... t1269.html

La Termografia è una prova distruttiva ed è molto versatile MA NON E' L'UNICA TECNICA DI CONTROLLO anzi spesso la maggior efficacia si ottiene con più metodi controllo che uniti assieme danno un quadro preciso della situazione in essere.
Per questo invito tutti a partcipare con nuove discussioni inerenti alla manutenzione che amplino gli argomenti e apportino dei benefici a tutti. ( al momento da postare nella categoria generale )
Ciao Marco, per analizzare un altro ambito di controllo NON distruttivo che può ben viaggiare affiancato alla termografia, mi capita ogni tanto di analizzare delle superfici di tetti piani impermeabilizzati con guaina bituminosa e doverne valutare l'eventuale presenza di ristagni di acqua nella zona sottoguaina al fine di consigliare eventuali fasi di manutenzioni localizzate o valutazioni sulle estensioni delle infiltrazioni acqua.

Naturalmente la termografia nell'ambito sopra descritto è un'ottima tecnica, ma in certe situazioni vado ad utilizzare anche altre tecniche, ad esempio uno scanner di superficie con sistema dielettrico, segnala la presenza di eccessiva umidità o acqua sotto guaina fino ad una buona profondità, quindi mi indica anche eventuali stratigrafie termoisolanti impregnate di acqua, molto utile nelle case in bioedilizia con tetto in legno, in caso di superfici di grande dimensione invece dell'utilizzo dello scanner piccolo uso quello più grande a carrello con ruote e si sviluppa molta più strada... anche d'inverno quando non c'è il sole o in tutte le altre stagioni indipendentemente se cè il sole o nuvoloso e in questi casi, la termografia diciamo che se le condizioni di ripresa sono ottimali, può assumere una funzione di immagini termiche di un'area già circostritta e definita in modo preciso.

La tecnica degli scanner sulla guaina a vista la trovo ottimale anche in tutti quei frangenti di corridoi stretti tra torrette, insegne, impianti, magazzini presenti sopra un tetto come potrebbe essere un centro commerciale dove sopra c'è di tutto fuorchè spazio libero... mancavano solo pannelli fotovoltaici dove era rimasto un pò di luce e le zone d'ombra sono difficilmente valutabili termograficamente.

Avatar utente
marco-itr
Messaggi: 184
Iscritto il: 29/11/2010, 12:03
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Forum della manutenzione e del controllo di qualità di produzione

Messaggio da marco-itr » 14/04/2016, 19:42

Stiamo parlando del Georadar ?

puoi qualche immagine, in una nuova discussione per farci capire meglio ?
Certificato UNI EN 473 ISO 9712
Livello 3 metodi: UT - RT - TT -VT- MT - PT
http://www.itrsystem.com

Avatar utente
claudiot
Messaggi: 200
Iscritto il: 07/05/2010, 21:50
Località: Modena
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Forum della manutenzione e del controllo di qualità di produzione

Messaggio da claudiot » 18/04/2016, 11:09

Se avete esempi per le correnti disperse usate su pavimentazioni piastrellate ben vengnao !
Non è la termocamera che fa il termografo
------------------------------------------------------------
Termografo III° liv uni en iso 9712
---------------------------------------------------------------
www.reamodena.com
www.cercaperdite-modena.com

Avatar utente
dano63
Messaggi: 6
Iscritto il: 17/01/2016, 19:02
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Forum della manutenzione e del controllo di qualità di produzione

Messaggio da dano63 » 18/04/2016, 16:13

Ciao Marco, non si tratta del Georadar ma dello scanner della Tramex https://www.tramexmeters.eu/dec-scanner che realizza ottime scansioni sotto il manto impermeabilizzante a vista.

Con il mio strumento ho visto che il limite di utilizzo esiste quando la superficie della guaina è bagnata, ad esempio di mattina presto quando ancora è umida dalla notte o quando c'è la nebbia o quando si forma la brina ghiacciata, ma se la superficie è asciutta ti permette di lavorare e di avere delle indicazioni precise, se poi hai possibilità termica di eseguire anche il rilievo termografico la cosa diventa molto interessante.

Rispondi