Problemi con la MAIL durante l'iscrizione ?
Se durante l'iscrizione non ricevi la mail di conferma CONTROLLA NELLO SPAM ( la mail potrebbe arrivare dopo qualche minuto )

Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Non Distruttivi: Termografia, Ultrasuoni, Radiografico, Visivo, Liquidi Penetranti, Magnetico e Correnti Indotte.
Distruttivi: prove di piega, trazione, resilienza, ecc
Saldatura: Mig, Mag, Smaw, Saw, Tig, ecc
Impianti Industriali e Civili
Rispondi
Avatar utente
Corrado
Messaggi: 96
Iscritto il: 30/07/2015, 23:16
Contatta:
Stato: Non connesso

Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Messaggio da Corrado » 21/02/2017, 11:38

Vorrei proporre come argomento di discussione la tecnica dell'elettroluminescenza applicata alla diagnostica delle problematiche sui pannelli fotovoltaici.

Come funziona questo test?

Questa prova si realizza tramite un processo inverso a quello fotovoltaico: al pannello si applica, tramite un alimentatore, una tensione che attiverà un processo di "luminescenza" nelle celle che lo compongono.
Una macchina fotografica, sensibile allo spettro di emissione del pannello (siamo nell'infrarosso "vicino" a circa 1150nm), inquadra quest'ultimo e scatta una foto: tutte le celle che funzioneranno correttamente, mostreranno una luminosità che ricorderà (perdonatemi il paragone irriverente...) quella del quadrante di alcuni orologi digitali in modalità notturna, mentre quelle che avranno qualche danno, appariranno scure oppure forniranno alcuni "pattern" caratteristici delle loro difettosità.
Ecco di seguito, uno scatto realizzato con la tecnica in oggetto:
ElettrolumPV.jpg
L'esame tramite elettroluminesceza non può essere effettuato in presenza di luce diurna in quanto, la debole radiazione emessa dal pannello, sarebbe fortemente disturbata da quella solare, molto più intensa.
A meno che non si possa portare il pannello in esame nel proprio laboratorio, ed analizzarlo al riparo dalla luce, si renderà necessario effettuare di notte, un esame sul sito di installazione.

Mi permetto di allegare una breve presentazione (in lingua inglese) della "LOT-QuantumDesign", sperando di fare cosa gradita ai neofiti che volessero documentarsi:
Che ne pensate?
Mi piacerebbe conoscere le vostre considerazioni!

Avatar utente
claudiot
Messaggi: 200
Iscritto il: 07/05/2010, 21:50
Località: Modena
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Messaggio da claudiot » 22/02/2017, 13:47

L'ho visto fare più volte direttamente sul campo, esiste un kit (chiamiamolo così) costiutito da un mini laboratorio su ruote, trasportabile con il gancio di traino dell' auto, lo aveva un perito tedesco giù in basilicata.
Ho assistito come eseguono le prove direttamente sul campo, in un giorno riescono a testare 400 pannelli smontandoli e rimontandoli, è molto interessante.

A mio avviso è l'unico vero modo di effettuare un' accuata analisi qualitativa dei moduli fotovoltaici
Non è la termocamera che fa il termografo
------------------------------------------------------------
Termografo III° liv uni en iso 9712
---------------------------------------------------------------
www.reamodena.com
www.cercaperdite-modena.com

Avatar utente
marco-itr
Messaggi: 197
Iscritto il: 29/11/2010, 12:03
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Messaggio da marco-itr » 26/02/2017, 20:03

Ciao Corrado,
questo pannello da quanto ho capito ha 7 elementi guasti.
Ti posto la foto con gli elementi che ho indiduato
ElettrolumPV-marco.jpg
ElettrolumPV-marco.jpg (33.13 KiB) Visto 4642 volte
Il documento PDF che hai caricato spiega come funziona il sistema di analisi, ma la LOT-Oriel Group Europe vende lo strumento per fare questo tipo di acquisizione ?
Certificato UNI EN 473 ISO 9712
Livello 3 metodi: UT - RT - TT -VT- MT - PT
http://www.itrsystem.com

Avatar utente
Corrado
Messaggi: 96
Iscritto il: 30/07/2015, 23:16
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Messaggio da Corrado » 28/02/2017, 17:59

Si, Marco: gli elementi con i danni più evidenti sono proprio quelli che hai segnato con una "X" ma, a livello non così "macroscopico", anche altri difetti si sarebbero potuti notare se solo il sottoscritto non avesse lesinato sulla risoluzione della foto... :oops:
Intendo dire che altri difetti come microfratture, "criccature" e microcortocircuiti danno dei "pattern" meno evidenti di quelli che hai indicato (le "criccature" ad esempio, si presentano come crepe filiformi più o meno sottili...), che invitano tuttavia a tener conto che -molto probabilmente- queste degenereranno in future difettosità ben più gravi.

Da quel che mi risulta la LOT-Oriel Group Europe vende strumenti per fare questo tipo di acquisizioni ma, se posso rivelarti il "Segreto di Pulcinella", molti tecnici preferiscono modificare "artigianalmente" macchine fotografiche digitali commerciali, riuscendo così ad ottenere ottime acquisizioni a prezzi molto più contenuti di quelli che avrebbero acquistando prodotti "chiavi-in-mano" (sul web si trovano diversi tutorial per la modifica di macchine fotografiche "standard"): magari si potrà parlare di questo in un prossimo "topic"... ;)

Avatar utente
marco-itr
Messaggi: 197
Iscritto il: 29/11/2010, 12:03
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Elettroluminescenza nel fotovoltaico

Messaggio da marco-itr » 28/02/2017, 22:02

Se tutte le righe nere che vedo sono difetti in questo pannello non si salva neanche un elemento !

Sarebbe interessante conoscere come costruirsi / modificare una macchina fotografica per questo tipo di analisi
Certificato UNI EN 473 ISO 9712
Livello 3 metodi: UT - RT - TT -VT- MT - PT
http://www.itrsystem.com

Rispondi