Problemi con la MAIL durante l'iscrizione ?
Se durante l'iscrizione non ricevi la mail di conferma CONTROLLA NELLO SPAM ( la mail potrebbe arrivare dopo qualche minuto )

Impermeabilizzazione vani interrati

Dispersioni termiche, ricerca perdite, ricerca infiltrazioni acqua, ricerca infiltrazioni aria, prove non distruttive e distruttive sui manufatti edili.
Rispondi
ondaraba
Messaggi: 2
Iscritto il: 11/01/2012, 19:39
Stato: Non connesso

Impermeabilizzazione vani interrati

Messaggio da ondaraba » 11/01/2012, 19:57

Buonasera, cari colleghi e non. Sono nuovo nel forum e con grande piacere faccio la vostra conoscenza.
Sono CTU in una causa civile che intende individuare le con/cause di una infiltrazione d'acqua in un interrato destinato ad autorimessa delimitato da pareti in calcestruzzo armato spesse 20 cm contro terra (classiche di delimitazione scavo).
L'infiltrazione si manifesta in uno spigolo formato da queste ed è stata così intensa da dilavare quasi il materiale.
Voglio prima di ogni altra cosa appurare se l'impresa abbia effettivamente impermeabilizzato a tergo delle pareti oppure no (oltre capire cosa abbia combinato allo spigolo!!).....pensavo ad una termografia....ma sarà efficace? Considerato che le pareti sono contro terra od in ogni caso contro un "ambiente fisiologicamente umido", non si rischia una restituzione così scura da essere inutile (penso anche ai riscontri economici dell'indagine)?
Grazie per l'aiuto ed il supporto tecnico, Vi saluto e Vi auguro buon lavoro.

;)

marco_boscolo
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/01/2012, 7:26
Stato: Non connesso

Re: Impermeabilizzazione vani interrati

Messaggio da marco_boscolo » 13/01/2012, 7:52

Egregio collega
vorrei capire meglio il problema
1) il muro è stato gettato contro terra realizzando uno scavo a scarpa verticale e risparmiando così i costi di un lato della cassaforma? Perchè in questo caso non vedo come sia possibile impermeabilizzare lato esterno.
2) il muro è stato regolarmente gettato con casseforme a spinta compensata (con l'impiego di cravatte distanziali in acciaio o altro sistema)? In questo caso la termografia Le permette di mappare tutte le zone con presenza di acqua in evaporazione ma per questo sono necessarie:
a) temperature dell'aria adeguare (io opererei con temperature di 12°C o maggiori)
b) termocamera con sensibilità elevata.
3) è stato predisposto il water stop tra il primo e il secondo dado?
La termografia non le permette di "vedere l'impermeabilizzazione ma le permette, se ripetuta nel tempo di valutare la variazione (o meno) della livello di risalita e correlarla con il livello di falda o con eventuali dispersioni dell'impianto di raccolta e allontanamento delle acque meteoriche o di impianti di irrigazione.
Le consiglio inoltre
Prelievi di polveri utilizzando un trapano a basso numero di giri o di campioni a differenti altezze e profondità per valutare quantitativamente il contenuto di acqua e per la zona maggiormente degradata provvedere a valutare con prove in sito l'effettiva resistenza residua del cls affiancando alle prove sclerometriche le prove pacometriche (distribuzione del ferro), ultrasonore, prove di carbonatazione ai sensi della UNI 9944, e prove sul potenziale di corrosione delle armature .

Augurandole una soluzione al problema ci tenga aggiornati
Cordiali saluti
Ing. Marco Boscolo - Rovigo
II Livello UNI EN 473 industriale TT, UT, MT, VT, RT, PT
civile SC, MT, UT, MO

ondaraba
Messaggi: 2
Iscritto il: 11/01/2012, 19:39
Stato: Non connesso

Re: Impermeabilizzazione vani interrati

Messaggio da ondaraba » 13/01/2012, 10:16

Ringrazio anticipatamente per la premura e la sollecitudine nella risposta, ing. Boscolo.
Puntualizzo che la parete in c.a. è stata gettata con casseforma in legno, distanziali, ecc ecc....e che l'origine della infiltrazione riguarda copiose precipitazioni che infiltratesi dal manto stradale in occasione di lavori di manutenzione hanno provocato un danno locale di infiltrazione su una parete in c.a. dell'interrato.
Il mio timore è che in mancanza di uno strato di impermeabilizzazione (credo che qualora ci sia, si tratti di un manto in bitume termoapplicato di qualche millimetro) l'infiltrazione possa manifestarsi anche in altri punti.
Credo di intendere in ogni caso come la tecnica termografica in questo particolare casi non permetta di stabilire nelle condizioni ambientali citate una precisa "stratigrafia" della parete e quindi rilevare la presenza di uno strato impermeabile.....ma semplicemente "fatti" locali interessanti la parete; o sbaglio?
Non sono presenti impianti di irrigazione e falde acquifere.
La ringrazio e La saluto distintamente.

:)

marco_boscolo
Messaggi: 3
Iscritto il: 13/01/2012, 7:26
Stato: Non connesso

Re: Impermeabilizzazione vani interrati

Messaggio da marco_boscolo » 15/01/2012, 2:47

Esattamente, lei non riesce a vedere la presenza di manti impermeabilizzanti nella parete retrostante ossia controterra.
Cordiali saluti

Marco

Rispondi