Problemi con la MAIL durante l'iscrizione ?
Se durante l'iscrizione non ricevi la mail di conferma CONTROLLA NELLO SPAM ( la mail potrebbe arrivare dopo qualche minuto )

controlli termografici in ambito elettrico

Non Distruttivi: Termografia, Ultrasuoni, Radiografico, Visivo, Liquidi Penetranti, Magnetico e Correnti Indotte.
Distruttivi: prove di piega, trazione, resilienza, ecc
Saldatura: Mig, Mag, Smaw, Saw, Tig, ecc
Impianti Industriali e Civili
Rispondi
nicola75
Messaggi: 5
Iscritto il: 30/06/2010, 18:40
Stato: Non connesso

controlli termografici in ambito elettrico

Messaggio da nicola75 » 07/02/2012, 0:12

E' da qualche anno che offro il servizio termografico a imprese e privati, ma quello che vorrei condividere con voi è il lavoro in ambito elettrio.
Vorrei conoscere le diverse esperienze che ci sono in questo ambito di utilizzo della termografia.
Per prima cosa vorrei capire se sono l'unico a riscontrare non poche difficoltà a trovare delle aziende che abbiano inserito nel loro protocollo per la manutenzione tale tipo di analisi . Ma quello che più mi stupisce è la rarità nel trovare compagnie assicurative che richiedano esplicitamente la prova termografica dei quadri elettrici.

Chi sa darmi indicazioni utili o esperienze avute ?

Ringrazio in anticipo per evntuali risposte

Ecospazi
Messaggi: 6
Iscritto il: 16/10/2009, 13:12
Stato: Non connesso

Re: controlli termografici in ambito elettrico

Messaggio da Ecospazi » 09/03/2012, 21:37

Confermo la difficoltà, e in particolare alle assicurazioni sembra non interessare minimamente.
Carlo

Infracorra
Messaggi: 3
Iscritto il: 24/01/2011, 18:08
Stato: Non connesso

Re: controlli termografici in ambito elettrico

Messaggio da Infracorra » 12/03/2012, 9:42

Naturalmente non è semplice trovare aziende con sensibilità nell'ambito della termografia, un pò perchè la forte diminuzione del costo dell'attrezzatura ha fatto si che le aziende si sono attrezzate facendola internamente un pò perchè in molti non ne capiscono le potenzialità.
per darti un consiglio punta su aziende che hanno cicli produttivi continui come cartiere,fornaci,fonderie ma anche latterie (quelle di grosse dimensioni), pasticcerie industriali, segherie (per la diminuzione del rischio d'incendio).
Per quanto riguarda le assicurazioni è vero ciò che è già stato detto, le compagnie italiane non sono sensibili a differenza di quelle straniere e sopratutto anglosassoni che contemplano quasi sempre la termografia nella prevenzione incendi.
Sul sito http://www.fluke.com/fluke/itit/solutio ... efault.htm puoi trovare diverse idee da applicare al mondo industriale

Rispondi