Problemi con la MAIL durante l'iscrizione ?
Se durante l'iscrizione non ricevi la mail di conferma CONTROLLA NELLO SPAM ( la mail potrebbe arrivare dopo qualche minuto )

Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Dispersioni termiche, ricerca perdite, ricerca infiltrazioni acqua, ricerca infiltrazioni aria, prove non distruttive e distruttive sui manufatti edili.
Rispondi
luigi
Messaggi: 18
Iscritto il: 27/06/2010, 21:39
Stato: Non connesso

Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da luigi » 19/02/2013, 8:23

Ciao,
come ben sapete tra le diverse patologie delle murature c'è anche la condensa interstiziale. C'è un modo di distinguere tale fenomeno con la termografia ? E' più facile trovarla all'esterno o all'interno dell'edificio ?

Grazie in anticipo a tutti.

p.s. questo forum è proprio ben fatto ma mi sembra che la gente che lo frequenta sia piuttosto timida nel rispondere. Spero che prima o dopo qualcuno mi dia una risposta :evil:

Avatar utente
marco-itr
Messaggi: 179
Iscritto il: 29/11/2010, 12:03
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da marco-itr » 23/02/2013, 10:20

La condensa interstiziale si forma all'interno della muratura in base alla stratigrafia e alle condizioni di contorno del muro. Secondo il mio punto di vista non può essere caratterizzata su un punto preciso della superficie.
Lo si può vedere con i due grafici di Glaser qui sotto, rappresentano la stessa stratigrafia ma in condizioni di contorno diverse.
parete-5.png
temperatura esterna -5 °C
(15.32 KiB) Scaricato 2181 volte

parete-15.png
temperatura esterna -15 °C
(14.03 KiB) Scaricato 2181 volte
caratteristiche della stratigrafia:
rasatura a gesso : spessore 0.0050 ; conducibilità 0.35 ; permeabilità al vapore 32.00 ;
intonaco di calce e cemento: spessore 0.01 ; conducibilità 0.9 ; permeabilità al vapore 19.0 ;
blocco in laterizio porizzato: spessore 0.12 ; conducibilità 0.37 ; permeabilità al vapore 21.0 ;
intonaco di calce e cemento: spessore 0.1 ; conducibilità 0.9 ; permeabilità al vapore 19.0 ;



Condizioni di contorno:
temp. interna : 22 °C
UR% interna : 65%
UR% esterna : 70%

Cambiando solo il valore della temperatura esterna possiamo notare come il fenomeno della condensa si sposta dalla superficie interna allo strato esterno di intonaco.
Certificato UNI EN 473 ISO 9712
Livello 3 metodi: UT - RT - TT -VT- MT - PT
http://www.itrsystem.com

Avatar utente
Lanzoni
Messaggi: 57
Iscritto il: 11/05/2010, 17:23
Stato: Non connesso

Re: Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da Lanzoni » 13/03/2013, 0:39

concordo con Marco,
aggiungerei che un materiale con condensa interstiziale può avere una trasmittanza più alta di uno asciutto, e questo può avere un riflesso sulla temperatura superficiale se c'è un passaggio di calore attraverso la struttura. Bisogna vedere quanto condensa c'è.
La presenza di umidità può influenzare anche l'andamento dei transitori termici. ci sono strumenti che possono confermare qualitativamente la presenza di umidità in un muro mandando un'onda elettrica, e confrontando la risposta con altre zone del muro, abbinabili all'indagine termografica. Funzionano meglio se il muro è omogeneo.
Ing. Davide Lanzoni
III livello termografia UNI EN 473 - ISO 9712
corsi di formazione termografia livello II
http://www.saige.it/Details.aspx?id=35

Avatar utente
claudiot
Messaggi: 200
Iscritto il: 07/05/2010, 21:50
Località: Modena
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da claudiot » 13/03/2013, 12:51

Concordo con quanto già detto dagli altri colleghi, le uniche volte che mi è capitato di riscontrare fenomeni simili, non serviva certo la termocamera dato chi i muri grondavano acqua, per tanto posso dire di aver riscontrato solo fenomeni estremi, ritengo più opportuno l'utilizzo di un altro sistema diagnostico
Non è la termocamera che fa il termografo
------------------------------------------------------------
Termografo III° liv uni en iso 9712
---------------------------------------------------------------
www.reamodena.com
www.cercaperdite-modena.com

luigi
Messaggi: 18
Iscritto il: 27/06/2010, 21:39
Stato: Non connesso

Re: Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da luigi » 13/03/2013, 15:26

ciao,
intanto grazie per le risposte ma chiedo una cosa, se ho un muro con una coibentazione interna al muro la condensa interstiziale potrebbe formarsi nello strato interno della casa confondendosi con un'infiltrazione?
Quali sono gli altri sistemi diagnostici per questa verifica ?

Avatar utente
claudiot
Messaggi: 200
Iscritto il: 07/05/2010, 21:50
Località: Modena
Contatta:
Stato: Non connesso

Re: Riconoscere la condensa interstiziale con la termografia

Messaggio da claudiot » 13/03/2013, 16:32

luigi ha scritto:ciao,
intanto grazie per le risposte ma chiedo una cosa, se ho un muro con una coibentazione interna al muro la condensa interstiziale potrebbe formarsi nello strato interno della casa confondendosi con un'infiltrazione?
Quali sono gli altri sistemi diagnostici per questa verifica ?

Normalmente si ma è sempre meglio fare una verifica con glaser per capire la sua posizione, tieni presente che le prove con il diagramma di glaser non tengono conto della diffusività capillare dei materiali edili e delle reali concentrazioni di vapore acqueo interne all' appartamento per una dato lasso di tempo.

Altri sistemi sono la perforazione con l' essiccazione della farina muraria per mezzo della termobilancia.
Non è la termocamera che fa il termografo
------------------------------------------------------------
Termografo III° liv uni en iso 9712
---------------------------------------------------------------
www.reamodena.com
www.cercaperdite-modena.com

Rispondi